SHEDONISM ILLUSTRATED | Marta Baroni

marta baroni

Marta Baroni è un’illustratrice, fumettista e grahic designer romana nasce a Roma nel 1989 e sin da piccola, con in mano i libri di Bianca Pitzorno e con in testa un sacco di idee, sapeva che sarebbe stata questa la sua strada. Sono suoi strumenti d’espressione sia la china che Photoshop, i suoi lavori ritraggono spesso giovani, coloratissime, adorabili donne.

Insieme a Tony Kill fonda nel 2011 TENTACOLI, una casa editrice che mira soprattutto a creare networking e collaborazione tra gli artisti, oltre a pubblicare libri, calendari e «Love, Eat, Sleep, Draw», rivista contenitore di fumetti e illustrazioni ma anche di racconti e recensioni musicali.

Ospitiamo oggi per SHEDONISM ILLUSTRATED questa giovane artista, facciamo quattro chiacchiere con lei per conoscere più da vicino il suo lavoro.

marta baroni

SHDNSM: Ciao Marta! É un piacere averti con noi. Per cominciare parlaci un po’ della tua formazione artistica e di come ti sei avvicinata al fumetto.

MARTA BARONI: Ciao, piacere mio! Un pò come tutti quelli che fanno questo mestiere faccio i disegnini da sempre. Ad un certo punto della mia vita mi sono iscritta alla Scuola Internazionale di Comics a Roma, dove sono nata e attualmente ancora vivo e lavoro.

SHDNSM: Parliamo di TENTACOLI AUTOPRODUZIONI. Innanzitutto, il nome da dove nasce? Come mai la scelta di prodursi da soli?

MB: Ho fondato Tentacoli nel 2011 insieme al mio amico e collaboratore Tony Kill, scrittore e grafico. Tutto è nato dalla voglia di mettersi in gioco e sperimentare il significato di autoproduzione. Autoprodursi è un modo alternativo e piuttosto diretto per proporsi sul mercato, far girare le proprie cose e il proprio nome, ma soprattutto è divertente. Collaborare con altri, creare progetti da zero, vederli prendere forma e infine portarli in giro, farli arrivare alla gente, ti arrichisce e da una soddisfazione unica. Il significato del nome dell’etichetta si riferisce alla Tangenziale Est, la sopraelevata che attraversa Roma. Non so se hai presente, andando da Porta Maggiore al Pigneto te la ritrovi di fronte e guardandola hai l’impressione che ci sia un polipo gigante che abbraccia tutta la città. Non sono pazza, se non mi credi googla! Visto che un nome andava trovato, mi sono detta che tanto valeva pensare a qualcosa a cui ero profondamente legata, e cosa di più della mia città?

SHDNSM: Oltre alle illustrazioni, hai realizzato i Tentacolini in peluche. L’handcrafting è un’altra delle tue passioni?

MB: I Tentacolini non li ho realizzati personalmente io, ma una mia cara amica anche lei illustratrice, Marianna Coppo. Mi sembrava carino creare dei toys ispirati al nostro logo e li ho messi nelle sue mani, che è bravissima a cucire, e ne ha fatti di tantissimi tipi e colori diversi.

In generale però seguo molto il panorama dall’handmade sia italiano che estero e da un pò mi sto cimentando con la serigrafia, stampo a mano in casa e mi piace da morire. Puoi vedere le magliette che ho realizzato qui, vorrei impare sempre di più e provare a confezionare piccoli albi serigrafati.

SHDNSM: Hai ideato e prodotto MY FAVOURITE PLACES, un progetto collettivo in cui vari artisti rappresentavano i posti che amano di più. Dov’è che ti rifugi, quando il mondo attorno ti stanca? Nella realtà hai un posto preferito?

MB: In My favourite place si palesa nuovamente il legame con la mia città (lo so, che palle). Le due pagine che ho realizzato raccontano uno scorcio di Garbatella, il quartiere dove sono nata e cresciuta, uno dei miei posti preferiti di sempre.

Dal mondo attorno cerco di farmi stancare il meno possibile, ma quando succede direi basta che ci stanno le amiche e le birrette.

SHDNSM: La scelta di pubblicare integralmente i tuoi lavori e la rivista «Love, Eat, Sleep, Draw» su ISSUU, rendendoli in questo modo accessibile a tutti e gratuiti, da dove viene?

MB: Ho pensato che la cosa importante all’inizio fosse far arrivare il nome Tentacoli a più gente possibile, così ho scelto di utilizzare la piattaforma Issuu e l’esperimento ha funzionato.

SHDNSM: Parlarci della tua esperienza nel collettivo artistico romano MANGOWAVE .

MB: Sono dentro Mangowave da quasi un anno, far parte di un collettivo composto da tante entità così diverse (c’è chi si occupa di video, chi di musica, chi di illustrazione ecc) mi piace molto. Tra di noi si sperimenta, si creano insieme progetti collettivi come il primo numero di questo magazine o serate a tema con esposizioni e musica.

Oppure -spoilerone!- attualmente sto realizzando un progetto a quattro mani con Margherita Barrera che sarà presentato alla Calzoleria a Roma il mese prossimo.

SHDNSM: A cosa stai lavorando ora?

MB: A diverse collaborazioni e ad alcuni nuovi progetti per Tentacoli e ad un libro. Lungo, tanto lungo. Che vorrei presentare ad un editore che mi piace molto, ma di questo non dico niente!

Grazie a Marta per la sua disponibilità! Per restare in contatto con lei, potete trovarla sul suo sito ufficiale, su Facebook e sul sito di Tentacoli!

Tags: , , , , , ,

Lascia un commento