Intervista a Frieda Gormley | House of Hackney X Eastpak

Eastpak è tornato con una nuova collaborazione della linea  ” Inspired by the World of “, che da sempre punta alla ricerca dei migliori brand che sanno unire stile e amore per i tessuti più ricercati. Questa volta Eastpak ha unito le forze con i designer londinesi di House of Hackney per produrre alcuni prodotti classici rivisitati in chiave contemporanea con l’aiuto di tessuti esclusivi disegnati e prodotti interamente in Inghilterra.

Per farvi scoprire qualcosa di più di questa originale, colorata e affascinante collaborazione abbiamo intervistato la parte “rosa” del duo di House of Hackney, Frieda Gormley, scoprendo un pò di più sulla nascita del brand, sulle loro passioni e chi l’ha ispirata per creare uno dei marchi di homewear più desiderati dalle it-girls londinesi.

Come definiresti lo stile di House of Hackney? E il concept  del  brand?

Io e mio marito (Javvy M Royle , ndr) abbiamo fondato il brand 4 anni fa, è iniziato tutto come un brand di homewear, cioè di prodotti, materiali per la casa.  Abbiamo entrambi un background nel mondo della moda dove abbiamo lavorato io come buyer da topshop e javvy  come fashion product designer . Abbiamo decorato la nostra prima casa e in quel periodo non riuscivamo a trovare qualche prodotto che ci piacesse.

Tutto era troppo conservatore, di alta gamma e minimalista; dopo dieci anni di minimalismo in questo tipo di settore, noi volevamo cimentarci nel genere e creare qualcosa con stampe, texture, colore, fiori, con un po’ di stile tradizionale e decidemmo di fare di questo “concept” un marchio. Cerchiamo di collaborare con industrie inglesi se possibile, l’85% dei prodotti infatti sono Made in England.

ph: Meschina

Come è nata la tua passione per il design d’interni? E’ una cosa di famiglia?

Si, sono cresciuta in una famiglia con mia nonna e mia zia che erano veramente interessate all’arredamento d’interni, sono cresciuta circondata da quello. Avevano u n talento in questo campo, una naturale predisposizione nel realizzare bellissime stanze. Per me e javvy che siamo cresciuti nella moda creare outfits d’abbigliamo per intero e creare una stanza è quasi lo stesso per noi.

Qual è la tua stampa preferita? E perché?

Se devo scegliere sicuramente la Olive Palmero, è una stampa sempre ricorrente, è in produzione dal 2011.

E la più pazza da voi realizzata?

Probabilmente quella con gli animali!

Prova a immaginare l’inquilino ideale di House of Hackney, chi sarebbe?

Io penso Iris Apfel, ha 90 anni ed è piena di senso dello stile.

Raccontaci di più della collaborazione con Eastpak.

Io e Javvy siamo cresciuti utilizzando zaini e  siamo fan di eastpak specialmente dal periodo della scuola. Allora una volta ci siamo detti “immagina quanto  il classico zaino Eastpak potrebbe essere cool con le nostre stampe e tessuti!” Ci siamo allora tenuti in contatto con Eastpak a Londra, loro adorano il nostro negozio e ci hanno invitato a collaborare.

Che tipo di materiali sono stati utilizzati?

Due zaini sono in brithish velvet( “velluto britannico”)  e sono quelle più esclusive, e il resto in canvas.

Qual è il tuo film preferito o genere musicale che rappresenta una perfetta combinazione di stile e sintesi con il brand?

Entrambi siamo grandissimi fan della musica in generale e il nostro gusto attraversa differenti generi, ma soprattutto le star anni ‘70 glam-rock come David Bowie, e tutti i musicisti londoners come quelli anni ‘60 o brit pop degli anni 90: siamo totalmente ispirati da quel tipo di subcultura underground.

E se siete curiosi di scoprire sia la limited edition che la main edition, entrambe saranno disponibili in anteprima esclusiva su luisaviaroma.com dal 18 al 30 settembre 2015.

 

Tags: , , , , , , ,

Lascia un commento